Il Bello della Differenza..

Photo by Scott Webb on Pexels.com

La differenza fa paura. La differenza di genere, la differenza culturale, la differenza di idee, la differenza di pelle insomma tutte le differenze creano paura.

Eppure la natura ci insegna che un ecosistema grazie alla differenza può resistere nel tempo altrimenti si estingue.

Un esempio si trova nella storia della ecologia (dal greco oikòs -casa, logos – discorso/studio, cioè discorso sulla casa/ambiente dove viviamo).

Nel 1700 gli irlandesi avevano selezionato nei propri orti prevalentemente una specie di patata.

Improvvisamente una malattia distrusse tutte le coltivazioni di patata che poichè erano costituite da un solo tipo di specie con un solo tipo di geni che non avevano difese per quella malattia,

E non esistevano differenti specie che potevano sopravvivere con differenti tipi di geni (qui dovremmo approfondire cosa è un gene 1* vedi nota).

Pertanto i contadini irlandesi patirono una dura carestia e molti emigrarono in America… (come sarebbe cambiata la storia se avessero coltivato specie differenti di patate?)

Ora la storia e la Natura ci insegna che la vita sulla Terra si è evoluta grazie alle differenze, specie che nascevano da mutazioni differenti e specie che non adatte ai cambiamenti dell’ambiente si estinguevano anche improvvisamente.

Pertanto la differenza è la caratteristica che più protegge la vita dall’estinzione.

Oggi invece si cerca l’uguaglianza in tutto, perchè dà tranquillità, non fa paura vivere circondati da ciò che conosciamo perchè è uguale a noi (però che noia!) eppure la maggioranza delle persone cercano questa uguaglianza che non porta da nessuna parte anzi porta sicuramente davanti ad un muro, quello dell’estinzione, in caso di un evento improvviso o situazione nuova.

Solo grazie alla presenza di tutte le variabili possibili la vita va avanti, solo grazie a tutte le idee possibili la cultura va avanti.

Un famoso biologo evoluzionista R. Dawkins (famoso è il suo libro ‘Il Gene Egoista’) ci dice che l’evoluzione avviene anche grazie alla cultura e ai ‘memi’, portatori di una informazione culturale minima, come i geni portano caratteristiche fisiche.

Un meme è una informazione culturale, una idea. Più memi esistono e nascono più una cultura può sopravvivere ed evolversi. Davanti alla pluralità di memi siamo forti, davanti a informazioni culturali uniche ‘pochi memi’ siamo deboli dal punto di vista culturale.

Una cultura che abbraccia più idee è una cultura forte e innovativa che ha un futuro.

Dare ad ognuno la possibilità di esprimersi crea una varietà che è pronta a superare ogni sfida che il presente e il futuro ci porta.

La vera bellezza è nella differenza. Voglio concludere (per adesso) con un video di Bozzetto

il Bello della differenza che non ha bisogno di parole.

1*Un gene è portatore di una informazione genetica che dà all’individuo una certa caratteristica come per esempio la possibilità di combattere una determinata malattia. (come i portatori di anemia mediterranea con globuli rossi che non permettono al parassita che porta la malaria di attecchire per cui i portatori di anemia mediterranea non si ammalano di malaria e sopravvivono, per questo si sono selezionati molti individui portatori nelle regioni dove un tempo c’era la malaria, come le regioni mediterranee come Sardegna, e zone centro- sud Italia.

4 Comments

      1. Lo so, le differenze fanno paura, come giustamente hai detto tu. Però è attraverso il confronto che ci si migliora e nella vita è l’incontro col diverso che ci porta a riconoscere noi stessi. La luce può riconoscersi tale solo perché esiste il buio.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...